La dieta senza glutine

La celiachia si cura soltanto escludendo completamente dalla dieta tutti gli alimenti che contengono glutine. L’eliminazione del glutine deve essere rigorosa e rappresenta, a tutt’oggi, l’unico trattamento che va protratto per tutta la vita.

Nella persona celiaca, un’alimentazione priva di glutine determina la graduale normalizzazione della mucosa intestinale, la scomparsa nel sangue degli anticorpi antitransglutaminasi e di eventuali sintomi presenti prima della dieta.

Una persona celiaca può, quindi, nella maggior parte dei casi, guarire completamente da tutti i disturbi se si astiene dall’assumere glutine ma può riammalarsi se entra in contatto nuovamente con questa sostanza. Pertanto, è sempre opportuno, su consiglio del proprio medico, effettuare dei controlli periodici per monitorare l’evoluzione della celiachia.

La scoperta della celiachia comporta una serie di difficoltà che hanno implicazioni pratiche oltre che emotive.

Osservare rigorosamente una dieta senza glutine implica un cambiamento delle abitudini alimentari che si riflette sullo stile di vita della persona. Una corretta alimentazione richiede, infatti, l’acquisizione di informazioni dettagliate sulla composizione degli alimenti, la comprensione di ciò che si può mangiare in sicurezza e di ciò che, invece, è necessario eliminare dal proprio regime alimentare.

La costruzione di un nuovo stile di vita richiede tempo, ma è l’avvio del processo il momento più delicato. Una buona aderenza alla dieta presuppone una riorganizzazione degli spazi e delle attrezzature usate in cucina, dei ritmi e del tempo che si può dedicare alla cura di se stessi.

L’attenzione necessaria per una corretta esecuzione della dieta rende la propria casa un ambiente protetto, in cui la persona celiaca, che si è “organizzata”, ha il pieno controllo sulla sua alimentazione e sulle eventuali fonti di contaminazione.

Molte persone si avvicinano con determinazione alla dieta senza glutine, con tutte la sue quotidiane implicazioni, e affrontano con decisione le difficoltà di carattere organizzativo. Altre considerano la gestione della propria condizione un impegno difficile e costante.

LA CELIACHIA IN VIDEO

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi